L’atelier delle rifugiate irachene

L’atelier delle rifugiate irachene

L’atelier delle rifugiate irachene Cover image
L’atelier delle rifugiate irachene Portrait image

L’atelier delle rifugiate irachene

In Giordania i lettori del Messaggero di sant’Antonio hanno ristrutturato un laboratorio per Rafedín, Made by Iraqi Girls, un marchio di sartoria, nato ad Amman per dare futuro a 20 giovani rifugiate irachene.

Data di pubblicazione: 05/07/2017

Un vero e proprio laboratorio di sartoria per «ricucire» la speranza dei cristiani, fuggiti dall’Iraq a causa delle persecuzioni del Daesh. È questo il progetto che Caritas Antoniana sta condividendo ad Amman in Giordania con i frati della Custodia di Terra Santa per ridare un lavoro e un piccolo reddito a 20 ragazze finite nel limbo dei richiedenti asilo.

La Giordania è tra i Paesi che più stanno pagando lo scotto dei conflitti mediorientali, non solo per la posizione geografica, al confine con la Siria e l’Iraq, ma anche perché, godendo di stabilità politica, si è trovata ad accogliere oltre 720 mila rifugiati (UNHCR giugno 2017), quasi il 10 per cento della popolazione. In crescita anche il numero di rifugiati iracheni, buona parte dei quali sono cristiani. La loro situazione preoccupa in modo particolare i frati di Terra Santa perché «nel Paese, ai profughi iracheni – spiega Vincenzo Bellomo, referente per il nostro progetto –, non è riconosciuto lo status di rifugiato, ma solo quello di richiedente asilo. Ciò significa che non possono lavorare, accedere ai servizi e integrarsi in Giordania. Una situazione in bilico, che li porta al limite della depressione».

In questo contesto, solo la Chiesa può dare loro aiuto. E di fatto nascono molte iniziative per dar loro sollievo. Una di queste è il progetto Rafedín – Made by Iraqi Girls, un progetto di moda e sartoria artigianale, nato nel marzo del 2016, per dare alle giovani cristiane irachene la possibilità di imparare un mestiere. «Abbiamo iniziato con dieci ragazze tra i 20 e i 30 anni – racconta Bellomo –, che hanno frequentato un corso base con una sarta italiana. Dopo i primi campioni, è iniziata la vendita attraverso canali italiani. Visto il successo, il gruppo è stato aperto ad altre dieci ragazze e si è deciso di affiancare una professionista locale, passando a creazioni più complesse». Oggi i prodotti dell’atelier sono visibili su Facebook.

Leggi l’articolo completo sul sito del «Messaggero di sant’Antonio» e nella versione digitale della rivista.