Mises à jour de projets

Aggiornamento da P. Arnold

Buonasera Silvia, siamo molto dispiaciuti per il ritardo che abbiamo riscontrato nell'inviarvi il rapporto finale dei lavori di perforazione di Cogelos.

Infatti la prima perforazione non diede un risultato soddisfacente a causa della scarsa portata d'acqua giustificata dalla profondità della perforazione che era di 130 m. E l'impresa ha dovuto riprendere una seconda perforazione che è arrivata fino a 165 m di profondità dato che il distretto di Cogelos si trova su un altopiano. Ora il lavoro è quasi completo.

Vi presentiamo anche le foto della struttura in cemento che sosterrà le cisterne che qui riceveranno l'acqua da distribuire alla popolazione non appena tutto sarà installato.

Ci scusiamo sinceramente e vi rassicuriamo non appena tutta l'installazione sarà completata riceverai il report e le immagini senza ulteriori ritardi.

Ringraziandovi, vi assicuriamo la nostra preghiera.

Padre Arnold Mukiele cpcr

Primo resoconto da Fr. Mukiele:

Buonasera Silvia,

con gioia invio il primo resoconto.

I serbatoi che avete visto nelle foto così come la struttura su cui verranno posizionati questi serbatoi non erano previsti nel preventivo, semplicemente perché il preventivo era alto e avevamo deciso di prendercelo in carico come parte del contributo locale; anche per il fatto che il distretto di Cogelos si trova in un punto molto alto, il che significa che la profondità della perforazione, secondo i tecnici della ditta che effettuerà i lavori, sarà di almeno 150 metri.

I lavori della perforazione cominceranno la prossima settimana.

Fr. Mukiele

 

Le projet

I Cooperatori Parrocchiali sono religiosi, sacerdoti e fratelli, che conducono una vita di intensa preghiera, una vita fraterna in comunità con spiritualità ignaziana. Sono uniti ai laici, ai membri delle Fraternità di Cristo Re e ai laici impegnati nelle commissioni e nei gruppi parrocchiali.

Rivolgendosi agli uomini (laici, sacerdoti, seminaristi e religiosi), alle coppie e ai giovani, collaborano con loro e la loro missione è quella di cooperare all'animazione spirituale delle parrocchie mediante il ministero della Parola attraverso gli esercizi spirituali ignaziani, con ritiri, ritiri e sessioni di formazione.

Giunti nella RD Congo nel 2002, i Cooperatori parrocchiali sono presenti nell'arcidiocesi di Kinshasa e nella diocesi di Kisantu. Si tratta di 24 membri di due diverse nazionalità (16 religiosi di voti e 8 giovani in formazione di cui 4 novizi e 4 postulanti).

Cogélos è un nuovo quartiere residenziale non urbanizzato. Ogni giorno nuove famiglie vi costruiscono nuovi capannoni di lamiera, spesso in condizioni disumane e molto miserabili. Si tratta per lo più di famiglie molto povere, che negoziano porzioni di terreno con i capi consuetudinari, a volte in luoghi pericolosi e per sopravvivere si dedicano ad attività di orticoltura che coltivano nei propri appezzamenti. Altri hanno allestito lì piccoli porcili o pollai improvvisati.

Nel quartiere di Cogélos manca quasi tutto: niente scuole, niente ospedali, niente maternità, niente acqua potabile. Per quanto riguarda l'acqua, durante la stagione delle piogge la popolazione utilizza l'acqua piovana, cosa difficile per la stagione secca che inizia a giugno e termina a settembre, a volte ottobre. Nel quartiere, qualche anno fa, le autorità hanno installato un pozzo, ma non funziona più. È un vero calvario per migliaia di persone che vivono in questo quartiere. Le famiglie che non hanno i mezzi di trasporto per attingere acqua dalle città vicine percorrono lunghe distanze fino a raggiungere sorgenti non sviluppate. Alcuni si accontentano dell'acqua del laghetto, con tutti i rischi possibili.

Su richiesta delle numerose famiglie che vivono nella contrada i missionari si impegnano a scavare un pozzo di acqua potabile di 160 m di profondità nel nuovo appezzamento dei missionari. Si tratterà poi di disporre di serbatoi di acqua potabile (di almeno 10.000 litri), di rifornirli di punti di distribuzione di quest'acqua alla popolazione direttamente nel distretto.

I lavori saranno eseguiti dalla società che ha effettuato lo studio e ha redatto la fattura proforma, nel tempo previsto di due mesi.

Per una gestione idrica ottimale e sostenibile, è prevista la creazione di un comitato di gestione dell'acqua in ciascun punto di distribuzione. Questo comitato garantirà che i costi di manutenzione delle strutture siano presi in considerazione dalla popolazione locale. Questa popolazione pagherà una piccola somma di denaro (0,25 euro) per almeno 150 litri d'acqua. Le persone estremamente povere e vulnerabili non saranno interessate da questo pagamento.

Référent: Fr. Arnold Mukiele Meya