Il progetto in sintesi

A seguito della attuale situazione pandemica, il Governo ha chiuso le scuole del Paese e  gli studenti sono costretti a seguire le lezioni in modalità online. Nel Napo, in foresta amazzonica, questa situazione è un grande problema: tantissimi bambini indigeni non hanno l'opportunità di avere a disposizione un computer e nemmeno un collegamento internet per continuare con le lezioni.

Col permesso del Ministero per l'Educazione, le istituzioni che hanno la possibilità di attrezzare un "info center", possono (con le distanze di sicurezza) aiutare i bambini più poveri a seguire le lezioni in modalità online. Il ministero infatti ha istituito un sito web  dove gli insegnanti registrano le lezioni quotidiane per gli studenti. Così, per dare un aiuto concreto, il Vicariato Apostolico del Napo (VAN), ha pensato di attrezzare un info center a Tena con 25 computer (desktop) e 3 fotocopiatrici per permettere almeno ad alcuni bambini indigeni di proseguire nel loro percorso scolastico.

Sono previsti anche degli insegnati che daranno assistenza presso questo Centro. Dalle 8 del mattino fino alle 7 di sera, la Sala sarà a disposizione degli studenti delle due scuole di proprietà del Vicariato. Attualmente le frequentano 2.451 studenti. Per accedere a questo Centro, gli insegnanti selezioneranno gli studenti di cui conoscono la situazione sociale e che non hanno i mezzi per poter adeguarsi alla modalità online. Una volta superata la pandemia i computer e le fotocopiatrici saranno distribuiti alle 2 Scuole e così resterà un "laboratorio informatico".

 

Referente: P. Walter Coronel