Aggiornamenti dei progetti

Un bellissimo progetto nel cuore dell'Italia, nella relazione di Matteo, P.Giorgio e Mimmo:io

Hanno beneficiato del progetto:

• Ragazze/ragazzi, giovani ed adoloscenti che si sono avvicinati al mondo della musica, non solo per apprendere nozioni musicali, ma a motivo dell’universalità del linguaggio musicale, per favorire e superare problemi di socializzazione;

Ragazze/ragazzi, giovani ed adoloscenti che si sono avvicinati al mondo del teatro, come mezzo per relazionarsi ed esprimere emozioni e necessità;

• Famiglie, parrocchiani e vicini di quartiere, che hanno partecipato a diversi eventi culturali e sociali organizzati presso l’esterno della struttura, grazie alle sedie ed alla proiezione;

• Giovani ed adolescenti, per le attività di incontro atte a favorire il dialogo, il confronto, lo stare insieme, ed a favorire la continuazione dell’incontro con Dio anche dopo la Cresima;

Spettacoli organizzati per favorire la socializzazione e la crescita culturale;

Pranzi domenicali, una volta al mese, con i Frati, aperti a tutti, soprattutto per le persone sole.

Tutte le attività svolte e da svolgere intendono favorire, nel contesto territoriale in cui viviamo ( caratterizzato da grande disagio, solitudine, povertà , deperimento delle relazioni sociali, ampliamento di varie forme di dipendenza - specialmente tra i giovani-alcol, fumo e droga-, aumento gravidanze tra adolescenti, deterioramento della cultura dello studio e del lavoro, , abbandono scolastico - legato alla mancanza di aspettative di crescita personale-, violenza, omertà, situazioni di conflitto e deterioramento dei legami, aumento delle discriminazioni ) una cultura fondata su legalità, integrazione, inclusione sociale, lotta al disagio, lotta alla mentalità mafiosa ed evangelizzazione.

In fondo una cultura fondata sulla conoscenza, per ogni uomo, della bellezza della vita, della propria identità personale, della scoperta e dello sviluppo delle proprie doti, dell’accettazione dei propri limiti, il tutto per rafforzare il proprio ruolo nella costruzione del bene comune. Nella meccanica delle relazioni ogni uomo, in questa fase temporale (sia esso bambino, giova, adulto, anziano, disabile) sembra aver perso il senso di un sé libero, dignitoso, empatico, sociale, costruttivo a sostegno di un io egoistico, chiuso, individualista, aggressivo, trasgressivo e teso alla soddisfazione dei bisogni personali, la maggior parte indotti e poco incline ai bisogni veri propri e degli altri.

Piazzale Ibico costituisce oggi un luogo di incontro, di accoglienza, di ascolto, anche ludico, ricreativo, oltre che educativo, spirituale, e costituisce un terreno fertile per favorire quei cambiamenti necessari e quanto mai importanti, per rendere la nostra comunità fertile, sotto tutti i punti di vista. Non si puo’ pensare di migliorare il nostro vivere insieme, senza porre a fondamento la bellezza partecipativa dello stare insieme, in cui ognuno è chiamato a dare e a ricevere, in uno scambio che arricchisce ognuno nella sua maturazione personale e comunitaria, a qualsiasi età.

Urge favorire e operare per lo sviluppo della persona nella sua totalità, avvicinando la sua storia personale e includendola all’interno della storia comunitaria, accogliere e gestire la compresenza di culture, credenze, religioni, educare allo scambio intergenerazionale, promuovere l’esercizio critico della ragione e l’acquisizione di competenze e conoscenze; educare al rispetto di sé, delle persone e dei luoghi, ed alla socialità; educare alla gratuità, ai servizi ed alla condivisione. Stabilire una feconda alleanza con i luoghi privilegiati dell’educazione: famiglia, scuola, lavoro, luoghi del tempo libero, istituzioni, servizi sociali.

Grazie per averci sostenuto in questo affascinante percorso!

Aggiornamento dal nostro intermediario che segue i lavori:

Buongiorno,

i lavori sul tetto sono andati a buon fine, e proprio in questi giorni il tecnico sta montando il supporto al tetto del sistema di proiezione video nelle due stanza, per poi passare alla prova audio ed al collaudo dei due sistemi integrati audio/video.

Fatto questo, siamo in direzione di arrivo con la chiusura di tutti gli interventi previsti nel piano da voi finanziato!

Grazie e a presto

Matteo

Aggiornamento

Carissimi,

grazie al vostro aiuto abbiamo sfruttato lavagne e sedie per tutte le attività estive che abbiamo organizzato presso il Centro Giovanni Paolo II, che ha beneficiato del vostro finanziamento (in allegato qualche foto delle attività sociali con giovani e del coinvolgimento degli stessi in attività musicali e teatrali).

Attualmente ciò che ha bloccato la rendicontazione è la realizzazione dei due impianti audio/video nelle sale del primo piano della struttura, a seguito di alcuni problemi associati al passaggio dei cavi nel sottotetto che avevamo predisposto. 

Abbiamo effettuato a metà Settembre degli interventi manutentivi sul tetto, e stiamo per ripassare la pittura. La ditta che sta eseguendo i lavori di installazione degli impianti audio/video ci ha assicurato che per fine Ottobre entrambi gli impianti saranno funzionanti ed operativi.

Cordialmente,

Matteo

Relazione prima parte progetto

Dopo diverse valutazioni, di tipo economico e soprattutto logistico, e dopo molteplici interlocuzioni avute con le diverse aziende fornitrici dei beni di interesse, la Parrocchia Maria SS. del Rosario, nelle persone del Parroco e dei suoi collaboratori, si è trovata a confrontarsi con uno scenario commerciale differente rispetto a quanto precedentemente preventivato: è stato difficile reperire i materiali sul mercato e, quando possibile, i costi sono diventati insostenibili per le imprese. Ciò ha inficiato le tempistiche realizzative della struttura oggetto di intervento.

Infatti, sebbene la pandemia avesse già avuto un impatto significativo sul costo delle materie prime, è opportuno constatare come la drammatica crisi umanitaria e la guerra in corso tra Russia e Ucraina ha recentemente provocato un aumento dei prezzi in maniera incontrollata, toccando livelli senza precedenti in Italia. L’impatto del conflitto in corso sull’economia italiana è stato notevole, con ripercussioni su tutti i settori legati alla produzione che impiegano materie prime ed energia. Tali problematiche riguardano non solo i cantieri attualmente in corso, ma anche tutti i nuovi appalti, con relative ripercussioni sui costi e sui conti economici.

L'iniziale previsione di 20% di aumento dei costi previsti, il dialogo con i magazzini e i depositi dei fornitori si è prolungato ed ha rallentato l’esecuzione dei lavori. Grazie alla disponibilità ed alla pazienza dei fornitori, siamo riusciti a trovare soluzioni che rispecchiassero quanto messo a preventivo, sia in termini di prodotti che in termini di budget.

Tuttavia, i fornitori ci hanno comunicato che, se non avessimo celermente bloccato anche parzialmente la merce da acquistare, non sarebbero stati in grado di garantire i prezzi concordati, e soprattutto un approvvigionamento coerente con le tempistiche preventivate. Si è reputato quindi opportuno predisporre la seguente strategia: piuttosto che procedere con il pagamento completo di un singolo bene, è sembrato più saggio pagare un acconto ai fornitori per tutti i beni da acquistare, in modo tale da assicurarci, quantomeno, l’ordine, e quindi la disponibilità in magazzino con tempi di consegna ragionevoli. Ci auguriamo, inoltre, che il decreto “Ucraina-bis”, che prevede ‘Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina’, possa tamponare, anche parzialmente, gli eventuali aumenti di prezzo. Pertanto verranno acquistate

  • acquisto di lavagne grafiche multimediali per presentazioni e attività didattiche
  • acquisto di Impianto Audio/Video per due Sale Multimediali per le proiezioni di filmati su schermi di grandi dimensioni
  • acquisto di Sedie in Polipropilene ad Uso Interno/Esterno
Il progetto in sintesi

Promuove la richiesta P. Giorgio Tassone, insieme ai suoi confratelli, ai parrocchiani e ai gruppi di preghiera che animano la realtà parrocchiale e che sostengono questo progetto denominato “Mai soli”.

Da anni è stato avviato in Parrocchia un processo di nuova evangelizzazione per la cura e il sostegno delle famiglie, dei giovani, dei soggetti a rischio criminalità, dei disagiati, degli anziani, dei poveri e dei bisognosi.

La realtà sociale della città di Palmi è caratterizzata, sia a livello individuale che familiare, dalla presenza di un forte disagio socio-economico, culturale e spirituale. Per cui si pone necessario creare un luogo, ancora più incisivo, in cui apprendere le dinamiche fondamentali dell’umanità autentica: essere amato e amare, bene di ognuno e bene comune, libertà e solidarietà, superamento delle difficoltà, collaborazione, centro di ascolto, servizi ricreativi, formativi e di aggregazione.

Il ‘luogo di incontro’ ritenuto idoneo per realizzare le diverse attività funzionali a quanto sopra, è stato individuato in un immobile in uso alla parrocchia.

Si tratta di un edificio di 600 mq costituito da due piani: il primo in fase di ristrutturazione che verrà completata entro Aprile 2022 (con 4 sale e servizi igienici) e il piano terra, in fase di ristrutturazione sebbene una parte è già completata. Appena conclusa la ristrutturazione del primo piano, due sale verranno attrezzate per le attività multimediale didattiche e le altre sale finalizzate alle altre attività del progetto verranno arredate.

Referente: P. Giorgio Tassone ofm conv.