Il progetto in sintesi

Il Monastero sorge sulle colline nordiche della Transilvania nel piccolo villaggio di Prislop, in un territorio di maggioranza assoluta ortodossa. Esso nasce su iniziativa di una famiglia locale (fam. Barle) che nel 1994 inizia la costruzione della chiesa ed il cui figlio, P. Ireneo, è diventato monaco. Nel 2012, P. Ireneo diventa prete cattolico e il Monastero viene riconosciuto come diocesano ‘sui iuris’ dall’attuale Vescovo greco-cattolico Mons. Vasile Bizau.

La Fondazione IHTIS – Manastirea Prislop è stata costituita dalla stessa Famiglia Barle con la donazione di una casa, vicina alla chiesa, e la donazione di vari terreni nel villaggio. Essa si occupa del settore sociale del Monastero, ed è gestita da un Consiglio di Amministrazione, sotto la sorveglianza del Vescovo, E’ riconosciuta come Onlus dallo stato romeno

In particolare accoglie e sostiene giovani orfani abbandonati che escono dai vari orfanotrofi o da case famiglie, che, all’età di 18 anni, si trovano nella strada, sprovvisti di appoggi, senza alcun sostegno genitoriale o dei servizi pubblici, carenti di una preparazione idonea per affrontare la loro nuova vita. La maggioranza di questi giovani sono anche portatori di vari handicap psicofisici e con vari problemi comportamentali, talvolta anche gravi.

Dopo anni di vita insieme sono sorte nuove famiglie, parecchi di loro si sono sposati ma rimangono sempre in uno stato di semi indipendenza, legati alla grande Famiglia del Monastero.

L'allevamento degli animali e di altri lavori agricoli rappresentano per questa realtà una grande risorsa e un’importante fonte di autosostentamento.

La richiesta riguarda oggi l’acquisto di attrezzi per poter svolgere al meglio le attività quotidiane nella fattoria oltre a mettersi in regola per quanto riguarda le normative europee e poter vendere i loro prodotti . 

Referente: P. Ireneo Ioan Barle