Aggiornamenti dei progetti

Breve aggiornamento sul progetto da P. Christian:

Salve!

Il progetto va giá nella sua seconda tappa. A fine anno alcuni haitiani che abbiamo accompagnato con classi di rafforzamento nelle loro lezioni pomeridiane hanno ricevuto il loro diploma di maturitá. Una parte proseguirá studiando con borsa di studio, per ottenere diplomi professionali e universitari, altri usufruiranno del diploma per cercare un lavoro migliore.

In queste tre settimane abbiamo sospeso quasi tutte le classi perché la parrocchia é chiusa. Poi da marzo a maggio completeremo i corsi, in particolare quelli in preparazione al riconoscimento del titolo di licenza media. 

Grazie per la vostra presenza nella nostra vita!

Vi raccontiamo il primo resoconto attraverso una testimonianza:

Mi presento: il mio nome è Fernanda Menares, una studentessa del quinto anno del corso di laurea in Assistenza sociale all'Università Alberto Hurtado. Durante l'anno accademico 2019 ho svolto il mio tirocinio presso l'Istituto cileno di migrazione cattolica (INCAMI) fornendo supporto nell'area di scambio di occupazione e area socio-legale.
Ho compreso subito che gli immigrati haitiani hanno una serie di difficoltà rispetto ad altre nazionalità immigrate, poiché sono particolarmente esposti a pratiche di discriminazione razziale, perché arrivano in un Paese che possiede una cultura e una lingua completamente diversa, e ciò porta ad incrementare più di un abuso nei loro confronti. Tutto ciò rende ancora più complessa la piena accoglienza e l'integrazione nella società.
Come risultato di quanto sopra, INCAMI appoggia l'iniziativa per sostenere la comunità di immigrati haitiani attraverso la Welcome Brother Foundation, da cui sono stata invitata a partecipare come tirocinante.
Nel corso dell'anno ho seguito la comunità di immigrati haitiani del comune di San Ramón, in particolare in relazione alla guida sulle procedure di immigrazione che devono svolgere per regolarizzare la loro situazione nel Paese.
Voglio ringraziare lo spazio che la Fondazione mi ha dato per potermi esibire professionalmente e soprattutto per avermi dato la possibilità di conoscere la comunità haitiana in Cile.

Di fronte allo scenario attuale in cui ci troviamo è necessario formare un impegno sociale con questa comunità di immigrati, poiché i problemi sociali che sorgono nei confronti dei soggetti esclusi o invisibili devono sollevare punti di interesse e sforzi da parte dell'intera società cilena.

(nelle foto, alcune immagini dei laboratori svolti)

Il progetto in sintesi

Promuove questa richiesta la Pastorale dei Migranti che è impegnata nella creazione di una ‘Fondazione’ di assistenza sociale lavorando in collaborazione permanente con INCAMI, l'Istituto cileno cattolico di migrazione, specializzato nell'attenzione agli haitiani in diverse aree: di prima necessità, occupazione, consulenza legale, alloggio, accompagnamento umano e spirituale, salute e istruzione.

Inizialmente le richieste dei migranti erano per dormire e mangiare, ma da questa esperienza, si è capito che le necessità andavano oltre: ricerca di un lavoro, consulenza legale per le procedure di immigrazione, orientamento in materia di leggi sul lavoro, come accedere alla salute, convalidare gli studi e accedere all'alloggio, ma soprattutto quello di rompere l'ostacolo principale, la barriera linguistica, cioè, per imparare la lingua spagnola.

Il Progetto è rivolto ai migranti di nazionalità haitiana e vuole essere un contributo significativo per accedere alla regolarizzazione dei loro studi e / o alla convalida dei loro titoli professionali.

 

Referente: Fr. Christian Borghesi ofm conv