Il progetto in sintesi

Prima parte del progetto: acquisto di 2 appartamenti medio-grandi (oppure di 3 appartamenti piccoli o di una casa) a Belgrado.

  • per favorire l’integrazione dei richiedenti asilo, il team del JRS (Jesuit Refugee Service) ha intenzione di acquistare unità abitative come luoghi di abitazione sicuri.

Attualmente questo servizio viene già svolto in strutture in affitto, con notevole dispendio di soldi. 

Seconda parte del progetto:            Outrech (Bosnia-Erzegovina: Bihac + Sarajevo).

  • Circa 9.000 migranti sono concentrati soprattutto nella parte nord-occidentale della Bosnia-Erzegovina, vicino al confine con la Croazia. Si stima che circa 2.000 migranti vivono al freddo, con l'intenzione di proseguire verso l'UE. Il maggior numero di beneficiari al di fuori dei TRC proviene da Pakistan, Afghanistan, Iran, India, Eritrea, Sudan e Marocco. La maggior parte dei migranti sono maschi adulti, seguiti da femmine adulte, ragazzi e ragazze
  • Dall'inizio dell'afflusso di rifugiati e migranti in Bosnia-Erzegovina, il JRS BiH ha fornito assistenza umanitaria a rifugiati e migranti.  Questo progetto continuerà la missione di coprire i bisogni più urgenti, come la fornitura di cibo, tende, acqua, servizi igienici, vestiti e sacchi a pelo. Lo scopo del lavoro includerà anche aiutare i beneficiari a ottenere un accesso adeguato alle istituzioni comunali il cui ruolo è quello di fornire assistenza e protezione sociale, in particolare alle famiglie con bambini, ai gruppi vulnerabili, ai giovani e ai bambini non accompagnati e separati, indipendentemente dalla loro nazionalità. Sostenendo l'integrazione di migranti e rifugiati, e incoraggiando iniziative che proteggono e promuovono i diritti umani, questo progetto ridurrà le vulnerabilità, affronterà i pregiudizi e gli stereotipi, e aiuterà a formare una narrativa più informata sulla migrazione.

Terza parte del progetto: sostegno alla salute (visite dentistiche e oculistiche con acquisto occhiali).

  • L'obiettivo del progetto è fornire un sistema di assistenza ai migranti che necessitano di occhiali da vista (oftalmologo) e servizi odontoiatrici. Al momento, questi servizi non vengono forniti a questa popolazione, perchè non sono considerati parte dell'assistenza medica di base. L`avere occhiali adeguati e non avere mal di denti sono le basi per il benessere di una persona. Ai beneficiari verrà fornito un servizio odontoiatrico e oftalmologico adeguato e sicuro e gli occhiali necessari.
  • Il progetto incoraggerà l'interazione con la popolazione locale, fattore importante nella Bosnia ed Erzegovina. Attraverso le attività progettuali è previsto il networking e la cooperazione con altre istituzioni locali, in particolare nel campo dell'oftalmologia e dell'odontoiatria. Questo progetto sarà implementato dal coordinatore del progetto che se ne sta già occupando, portando supporto e servizi diretti alle persone bisognose, contribuendo a migliorare le loro vite. Nel progetto saranno coinvolti anche altri due mediatori/interpreti culturali esperti, dei quali stipendi sono già stati assicurati.
  • Attraverso questo progetto vorremmo mensilmente  fornire per un minimo di 35 beneficiari i servizi di oftalmologia e occhiali necessari e per un minimo di 35 beneficiari i servizi odontoiatrici (riparazioni dentali necessarie, rimozione dei denti, ecc.). È previsto un massimo di 50 beneficiari al mese per ciascun servizio separatamente. 

Referente: P. Stanko Perica